Osservamondo

25 febbraio 2017

Oro e dollaro (e pure argento)

L'argento è finalmente riuscito a rompere la linea trend, e non ci dovrebbero essere resistenze fino a 19 dollari.

La mia posizione in USLV è ancora parecchio sotto, ed è stato un errorraccio usare uno strumento con problemi di decay in un momento che non ho minimamente il tempo per il trading. Avrei fatto molto meglio a rimanere in Phag, denominato in euro, e ora quasi tornato al punto di partenza.

Ora vedrò cosa succede con questo mini-bull e poi decido se uscire con la perdita.

Ovviamente anche l´oro sta andando bene, anche se ha ancora strada da fare prima di rompere la linea trend. Le mie posizioni sono in ogni caso saldamente in area positiva, tranne per un opzione call sui miners che ho preso qualche settimana fa, e della quale non ho avuto tempo di bloggare. Si tratta di una call su giugno che ho preso a 1,64 e che ora sta a 1.327, con strike 26.

Di particolare c'è che da un mese l'oro ignora l'andamento del dollaro che si è rinforzato ulteriormente insieme all'oro. In genere i due asset monetari hanno andamenti negativamente correlati. come si può vedere dalle medie mobili breve.



Solitamente quello che succede dopo un mesetto di correlazione positiva è che uno dei due si accorge dell'errore e corregge.

Su scala più grande invece sembra che i due asset hanno un altro tipo di correlazione negativa, ovvero quando è un mercato del dollari l'oro non si muove, e quando tocca all'oro, il dollaro sta li ad aspettare.


Ora arriviamo da un periodo pluriennale dove sia dollaro che oro si sono mossi tanto. Dalla fine del 2011 l'oro come ben sappiamo ha vissuto un orso, anche se sicuramente indotto*, mentre il dollaro ha ripreso il bull. Nel 2015 entrambi sono stati fermi per poi correggere quello che era il trend prima del 2015. Il dollaro corregendo in giù e l'oro insù.

Continuo a pensare che le politiche di Trump sono inflazionistiche, e che quindi a lungo l'oro dovrebbe "beneficiare". Sta a vedere se anche l'euro perde terreno, altrimenti gli effetti forex si mangiano il guadagno.



*i brutali monday morning take down che ogni settimana rompeva con forza la psicologia dei trader bullish, sono spariti da un momento all'altro ca un anno fa


Nessun commento:

Posta un commento